Riflessione sul Potere di una Carezza

Nelle mie scorribande tra giornali, riviste, libri, libercoli e chi più ne ha, ne aggiunga…ho trovato un articolo che pare una finestra di poesia:

…un nonno e una nipote, quanta dolcezza…

Una lettura che fa bene al cuor, per questo la voglio condividere con tutti voi…

“Metrò, 7.30 del mattino, più o meno. Sono molti anni – forse decenni – che ripeto sempre lo stesso gioco per trascorrere il tempo delle fermate: prima il viaggio era verso le scuole medie, poi le superiori, l’università, l’ufficio.

Osservo le persone attorno a me e cerco di individuare il tratto più significativo del perimetro nel quale sono racchiuse le loro vite, le vite degli altri. Un vecchio romanzo tra le mani di una ragazza potrebbe essere un indizio importante, devi però imparare a distinguere: sarà una lettura obbligatoria legata a un compito in classe, un esame? O forse i dialoghi sentimentali di Elizabeth e& Mr Darcy tengono ancora il passo con le introspezioni televisive di Orange is the New Black? Le scarpe di solito aiutano moltissimo a risalire fino all’identità, anche se l’opa ostile delle sneaker di marca ai danni degli altri accessori sta consumando le suole delle libere scelte (e interpretazioni).

Stare a guardare senza subire la rappresaglia di un contro-sguardo è diventato più facile: ora quasi tutti e tutte hanno la testa infilata nel sacco digitale dello smartphone, soltanto il momento della discesa è a rischio incrocio, ma a quel punto non è grave. Basta sorridere, e continuare.

Qualche giorno fa il mio telescopio metropolitano ha inquadrato la mano di un signore anziano, elegante in maniche di camicia rimboccate, che era stretta attorno a uno dei pali d’acciaio, le dita magre, ancora abbronzate dall’estate. Stavo lì a fare le solite congetture leggere quando sul dorso è planata la tempia di una bambina. Una testolina bionda, con la frangia, che ha accennato dolcemente una carezza di movimenti su quella pelle tirata e sulle nocche. Lui, il nonno, si è abbassato lento ma già contento, curvandosi fino a trovarsi occhi contro occhi con lei. Hanno cominciato a parlottare, a ridere, finché la nipotina ha ripreso a strofinare il suo ciuffo come a scavarsi sulla fronte un’impronta capace di assorbire il calore necessario ad arrivare alla fine del giorno.

Fioriture capovolte è il titolo di una raccolta di poesie di Giovanna Rosadini (Einaudi Editore).

“Tienimi nei tuoi pensieri,/ soltanto così mi sentirò di essere,/ ancora, un cuore vivo che possa/ osare l’insistenza del battito/ e lasciare l’inerzia/ al sasso trascinato dalla corrente/ sul margine della risacca”.

Soltanto cosi, lo spazio bianco di una manciata di fermate intestate a generali e santi si riempie ogni volta di colori.”

Tratto da “Potere di una Carezza”, scritto da Barbara Stefanelli e  pubblicato da “Io Donna” il 29 Settembre 2018.

 



Lascia un commento